I castelli di Palermo

Perché Castelli di Palermo? in tempi remoti le popolazioni si ritirarono sui monti per proteggersi da invasori stranieri. Quasi sempre si trattava di castelli arroccati che proteggevano anche le abitazioni. Oggi restano vestigia importanti e intatte o ruderi, evocativi della gloria passata.

TIPICITÀ DEI BORGHI
L’entroterra siciliano è ricco di tradizioni, cultura, attività agricole e artigiane degne di nota e cercheremo di raccontare i particolari di ogni borgo
La cucina beneficia di un’agricoltura ricca e variegata, condizionata favorevolmente dai ritmi stagionali, basti segnalare i grani autoctoni (ben 52 varietà), gli agrumi famosi nel mondo, l’olio e.v.o. (oltre 150 cultivar censiti, un’enormità) gli ortaggi, le erbe o verdure spontanee, lo zafferano prezioso come l’oro, fino alla rara manna citata nella Bibbia, solo per fare qualche esempio.
Il vino da solo genera già economia e fatturati di rilievo pur di piccoli vignaioli; e segnaliamo il Movimento Turismo del Vino e le Scuole di Cucina residenziali.

Rapidamente citiamo arte e artigianato, dai vetri artistici al cesello al marmo alla filigrana all’oreficeria alla legatoria a preziosi tessuti. Per la gola segnaliamo i dolci buccellati di spirito natalizio che non sono meno famosi della pasta di mandorle, la attività artigianali conserviere, la lavorazione di pesci pregiati e via via.

riquadro.com organizza visite, incontri, video al Cafè Letterario Piazza Borsa (giovedì) da Obicà anche via internet. Programma iscrivendosi alla mailing list



Potrebbero interessarti anche questi approfondimenti: