Arte e curiosità all'Hotel Cellai, Firenze

Stupendi salotti invitano alla sosta con il camino, i morbidi divani dalle colorate stoffe, i tappeti preziosi, le consolle e gli specchi, i quadri pregiati, le esposizioni periodiche di artisti moderni sotto il monumentale neo gotico lampadario in ferro battuto. Altrettanta dovizia di opere d’arte nei corridoi ai piani, tra scalette e angolini riservati con trumeaux e lampade romantiche; le pareti bianche valorizzano ancor più paesaggi e ritratti alle pareti, copertine di riviste d’epoche, rappresentazioni della natura di ogni angolo del mondo.
Alcune camere sono sorprendenti, anche se rigorose nei colori; predominano il nero e il beige, punteggiati dai paralumi rossi disposti a testa in giù. Si notano anche piccoli sofà che occhieggiano allo stile Impero e cornici bianche fatte a sgorbia che copiano le foglie rinascimentali.
Bianche le sedie habillé in contrasto con la moquette nera dei pavimenti di alcune stanze; altre hanno il parquet. Chiedete di ammirare la cartolina disegnata per l'albergo dall'artista Cecco Mariniello.



Potrebbero interessarti anche questi approfondimenti:


Negozi e Imprese