Museo Archeologico Nazionale di Firenze


La bronzea Chimera di Arezzo, cosiddetta per la città in cui fu ritrovata nel 1553 è di origine etrusca. Affascinante e mostruosa nello stesso tempo, è il risultato delle culture greche che contribuirono all’opera. I visitatori la incontrano all’ingresso quale esempio delle meraviglie che li aspettano nella visita. Il Museo Archeologico Nazionale di Firenze si può considerare uno dei maggiori musei archeologici italiani per le mirabili documentazioni dei popoli etruschi, con gioielli di grande finezza e per le raccolte greco romane. L'enorme raccolta egizia è seconda solo al Museo Egizio torinese. Nei pressi si visita anche la Basilica della SS. Annunziata, il Museo di San Marco e la Galleria dell'Accademia.