site map
Pubblicità network vinoclic
 
 
 
 

Suonala ancora Sam… e beviamoci un altro sorso!

  INDICE DELLE RUBRICHE
Ritorna in Dvd il mitico Casablanca nel cofanetto I Grandi Classi senza tempo, edito dalla Warner Bros comprendente anche Via col vento e Il dottor Divago

Si racconta che dopo la fine della seconda guerra mondiale molti turisti americani in viaggio in Marocco cercavano con ansia il leggendario locale notturno “Rick’s”, dove si svolge il film Casablanca diretto da Michael Curtiz nel 1942. Uno dei più grandi successi finanziari di Hollywood capace ancora oggi di commuovere ed affascinare il pubblico. Colpa degli sguardi d’amore della bella Ingrid Bergman e del cinismo romantico di Humphrey Bogart, che per altruismo sentimentale e convinzioni politiche antinaziste rinuncia per sempre ad avere al suo fianco la donna della sua vita.

La storia della pellicola è nota: a Casablanca nel Marocco francese nel 1941 profughi da tutta Europa aspettano i visti per partire per Lisbona, città dalla quale poi fuggire finalmente in America lontani dalla guerra e da Hitler. Il Rick’s Café American è il night club più alla moda del luogo, gestito da Rick Blaine, un americano in apparenza indifferente e neutrale rispetto alla dura lotta in corso in Europa tra il Terzo Reich e le forze antifasciste (ma sappiamo quasi subito del suo passato di combattente per la libertà nella Guerra Civile Spagnola del 1936- 1939 dalla parte dei Repubblicani).

Qui una sera capita l’affascinante Ilsa, moglie dell’eroe della Resistenza Victor Laszlo, con la quale Rick aveva avuto una travolgente passione amorosa a Parigi finita bruscamente con l’occupazione della città da parte delle forze tedesche e con l’addio della donna al suo uomo attraverso una lettera fatta recapitare alla stazione al momento della partenza. Quando i due si rivedono il desiderio esplode ancora inevitabilmente, mentre il pianista nero Sam suona As Time Goes By, la loro canzone simbolo di struggenti ricordi parigini.

Costruita su personaggi credibili, i nazisti crudeli e spietati, gli antifascisti nobili e pronti al sacrificio finale, i francesi padroni di casa indecisi da che parte stare, condividono però il gusto del bere raffinato: Campagne, Cgnac (in particolare il Cointreaux) e vino bianco, scorrono a fiumi tra gli ospiti del locale notturno, teatro della vicenda d’amore e di lotta per la libertà. Indimenticabile è la sequenza finale con Ilsa e il coraggioso marito capo della resistenza in partenza in aereo nella fitta nebbia della sera verso la salvezza, per merito dell’altruismo dell’americano Rick capace di rinunciare per sempre al suo grande amore. L’ uomo ucciderà poi con un colpo di pistola l’odioso ufficiale nazista, il maggiore Strasser, che vuole impedire quella fuga. Subito dopo il suo amico, il capitano francese Louis Renault, locale prefetto di polizia per festeggiare il definitivo passaggio di entrambi nelle fila dell’antifascismo, stapperà l’ultima bottiglia di Acqua di Vichy, che finirà allegoricamente nel cestino (la Repubblica di Vichy guidata dal maresciallo Petain rappresentava la Francia alleata di Hitler, mentre il generale De Gaulle comandava quella parte del paese in lotta con il movimento partigiano contro i nazisti).

Amore, ideali, romanticismo, fumo di sigarette e alcool di marca, sono gli ingredienti di questo capolavoro della storia del cinema che Ingrid Bergman e Humphrey Bogart, guidati dal regista Michael Curtiz, hanno reso immortale.

Casablanca 1942. Usa. Regia di Michael Curtiz. Con Humphrey Bogart, Ingrid Bergman, Claude Rains, Paul Henreid, Conrad Veidt, Dooley Wilson
Warner Bros Video


Pierfranco Bianchetti
 
· Copertina
· RISTORANTI E VINERIE
· I VIAGGI DI RIQUADRO
· Libri e riviste
· Amici di Riquadro
· Riquadro verde
· APPUNTAMENTI
· riquadro è
· Capoverde a Milano
· CORSO DI SCRITTURA
· Quattro chiacchiere
· Ambasciatore delle Arti
· Cucina e vini
· Rassegne di cibi e vini